Il Dilemma della Pianificazione della Domanda – impostare un Livello di Servizio

Questo post è disponibile anche in: Inglese

È difficile fare previsioni, soprattutto sul futuro

Il futuro non è più quello di una volta

Yogi Berra

Il dilemma della pianificazione della domanda: utilizzare una previsione o una cronologia. Gli analisti ci dicono severamente “La performance passata non è un’indicazione del futuro”. Non possiamo aspettarci che la storia si ripeta, almeno non quando si tratta di pianificazione della domanda. Nel frattempo, ogni giorno ci vengono ricordati imprecisioni e pregiudizi nelle previsioni.

Né le previsioni né la cronologia sono fonti affidabili di informazioni sulla domanda. Tuttavia, di solito sono tutto ciò che abbiamo, quindi ecco un modo per ottenere alcuni indizi dalla cronologia degli ordini e utilizzarli per determinare un livello di servizio.

Dove utilizzare un livello di servizio?

L’utilizzo più ovvio di un livello di servizio consiste nel dimensionare le scorte. Nello stabilire la politica di dimensionamento delle scorte, è comune parlare in termini di giorni. Potremmo utilizzare i livelli Min-Max o impostare un punto di riordino per un gruppo di articoli. I contratti di spedizione e di inventario gestito dal fornitore fisseranno i “giorni di fornitura”. I merchandiser vivono o muoiono entro i loro giorni di copertura.

Si sentono molte persone parlare di “giorni di stock / inventario / copertura / fornitura”. Meno parlano di cosa significa esattamente un giorno in termini di volume. Dopo tutto, non è possibile scrivere un ordine di acquisto per una “settimana” di parti. Quella settimana deve essere convertita in unità.

La risposta più comune è la previsione. Quando concordiamo un livello minimo di scorta di due settimane, copriamo due settimane della previsione. Da qui i termini “Giorni di copertura anticipati” o “Giorni di fornitura”. Il problema con l’utilizzo della previsione è che è troppo nervosa o troppo aggregata.

Se la previsione è settimanale, il livello di stock target si sta spostando. Un bersaglio lontano è difficile da colpire, un bersaglio in movimento è ancora più impegnativo. Se la previsione è mensile, non dice molto sul tasso di consumo in un periodo più piccolo all’interno di quel mese. Chiunque voglia fare una media sarà colpito da un picco di fine mese o da altri picchi di domanda all’interno di quel mese.

E non dimentichiamo l’imprecisione e i pregiudizi.

Variazione dalla cronologia, volume dalla previsione

Le previsioni sono molto più efficaci nel darci informazioni sul volume che sulla variazione. Speriamo di ottenere un modello deterministico dalle previsioni. Tendenze di mercato, cicli di prodotto, effetti di promozione, variazioni di prezzo.

La variazione della domanda ha una componente casuale. Possiamo appianare la irregolarità che deriva da ordini discreti utilizzando una media mobile. Ci sarà un livello di variazione che è casuale e questo in genere è posto in aggiunta alle tendenze deterministiche che potremmo rilevare nella previsione. Ed ecco il punto cruciale: la variazione della domanda è molto più prevedibile dalla storia rispetto al volume della domanda.

La variazione può essere una semplice deviazione standard, DEV.ST in Excel. Dividilo per la MEDIA e ottieni un utile coefficiente di variabilità.

La creazione di grafici della variabilità rispetto al volume su una classe fornisce un’ottima panoramica di tutti gli articoli e di come potrebbero essere segmentati in classi diverse e con una politica di stoccaggio o ordine.

DEV.ST può essere calcolato accanto alla tabella della cronologia degli ordini. Ecco un metodo per eseguire questi calcoli Excel in pochi secondi con oltre 65.000 record .

Medie mobili e livelli di servizio

Una media mobile in una cronologia degli ordini può appianare alcune delle irregolarità causate da ordini discreti. Dato il costo della transazione per l’immissione e la compilazione di un ordine, ha senso sia per l’acquirente che per il fornitore operare con una quantità minima di ordine. Ciò significa che la domanda e l’offerta arrivano in blocchi e la media mobile filtra questo effetto.

La media mobile viene calcolata rispetto a una cronologia ordini effettiva con ciascun record che rappresenta una riga ordine. Un totale aggregato della domanda per settimane o mesi non ci darà il livello di dettaglio che cerchiamo. Per ogni record di ordine, vogliamo conoscere la domanda media negli ultimi n giorni. Può trattarsi di un singolo periodo in tutte le parti o essere equivalente al lead time per ogni articolo. Questo articolo mostra come calcolare le medie mobili e l’analisi della domanda rapidamente in Excel .

Tutti questi valori medi mobili possono essere classificati per ottenere un livello di servizio in tutti i giorni dell’ordine. Quindi la domanda media per il 95 ° percentile equivale a offrire un livello di servizio del 95% nella cronologia degli ordini per quell’articolo. Dopo aver collegato il periodo medio mobile al lead time per quell’articolo, puoi dimensionare lo stock a per darti un livello di servizio del 95% dall’inventario.

Un dimensionamento Kanban richiederà anche un tasso giornaliero di domanda e il valore medio mobile a livello di servizio target può essere utilizzato per dimensionare Kanban.

Scarica una copia di questa cartella di lavoro sull’analisi della domanda . Consulta questo articolo per la connessione con file di testo e controlla questo tecnica per eseguire questo calcolo su migliaia di righe di Excel .

Questo esempio utilizza una funzione di ordinamento per calcolare rapidamente ed evitare la lenta elaborazione dei dati su Excel. Le funzioni di ordinamento, nome di zona  dinamico e incolla sono tutte automatizzate nel nostro Fast Excel Development Template gratuito . Puoi < a href = “https://production-scheduling.com/downloads/”> scaricarlo qui e scoprire come usarlo nel nostro tutorial .

Lascia un commento

Torna su