Impostazione dei livelli servizio clienti … senza gestire i livelli delle scorte

Questo post è disponibile anche in: Inglese

I tuoi clienti desiderano tempi di consegna brevi e consegne puntuali e affidabili.

Purtroppo questo non è sempre possibile. Servi ogni cliente secondo lo standard richiesto e potresti chiudere rapidamente l’attività. L’inventario e la capacità sono limitati.

Puoi scegliere di impostare il giusto livello di servizio per ogni cliente. Senza una buona politica, molti produttori scelgono di allocare in modo definitivo le scorte al momento dell’ordine. Questo può portare a una fornitura rigida e a un livello di servizio complessivo inferiore .

Il produttore intelligente è in grado di definire criteri per garantire che i clienti più redditizi ricevano il massimo livello di servizio.

Quando i responsabili della supply chain pensano al livello di servizio, vanno direttamente al dimensionamento dell’inventario e ai giorni di fornitura.

Quando i responsabili delle operazioni pensano al livello di servizio, dovrebbero andare direttamente a ridurre i tempi di consegna e migliorare la risposta.

E se ti dicessi che esiste un modo per migliorare i livelli di servizio prima di dimensionare l’inventario, ottimizzare la capacità o ridurre gli sprechi? Allo stesso tempo, può aiutare a risolvere il il problema di allocazione delle scorte di cui soffrono molte aziende?

Interessato? Continua a leggere.

Alcuni clienti sono più uguali di altri

Il Principio di Pareto mostra che è probabile che la redditività del cliente segua una legge non lineare. Il più redditizio sarà molte volte più redditizio del minore in assoluto.

Sospettiamo che alcuni clienti ci facciano perdano effettivamente dei soldi. Sappiamo che altri possono far andare bene o distruggere l’azienda. La discriminazione nel servizio è un dato di fatto della vita aziendale.

Quindi, è una buona idea avere una visione chiara del valore dietro ogni relazione con il cliente. Crea livelli o classi di servizio. Eseguire gli ordini in base a un livello di servizio definito.

Allocazione dell’inventario e pianificazione

La maggior parte delle discussioni sul livello di servizio iniziano e terminano con il dimensionamento dell’inventario. Questa è una vergogna; idealmente, i livelli delle scorte dovrebbero essere confrontati con il lead time di produzione, la capacità e la variabilità della domanda.

In pratica, non è facile confrontare la capacità di produzione con il servizio clienti. Quindi, di solito è coinvolto l’inventario.

C’è un’intera conversazione (serie di articoli? Workshop?) Su come dimensionare le scorte in base ai requisiti della domanda e al piano del capitale circolante.

Questo non è uno di quegli articoli.

Questo qualcosa che verosimilmente viene prima del dimensionamento: è l’allocazione.

In un articolo precedente, ho scritto sull’impatto di allocazione dell’inventario al ricevimento dell’ordine .

Molte aziende Make-to-Stock controlleranno i materiali disponibili e su ordinazione al ricevimento dell’ordine. Alcuni vanno oltre e “allocano forzatamente” lo stock in modo che non possa essere utilizzato per altri ordini che potrebbero essere ricevuti in seguito.

Ciò è in contrasto con un metodo FIFO flessibile, in cui il materiale viene allocato a un ordine in base alla data di spedizione (o alla data di scadenza nella produzione).

L’allocazione rigida delle scorte non è un problema se ogni ordine ha lo stesso tempo di consegna. Ciò significa che la sequenza degli ordini ricevuti è la stessa della sequenza degli ordini eseguiti. Il risultato è lo stesso e flessibile come l’utilizzo della data di spedizione.

Con tempi di consegna variabili, sorgono alcuni problemi. Se assegno l’inventario al momento dell’ordine, potrei ignorare la fornitura in arrivo che arriva abbastanza presto per soddisfare questo primo ordine, ma troppo tardi per evadere un ordine ricevuto in seguito ma è dovuto prima. Questo articolo contiene un esempio , più uno scarica Excel strumento per fare il confronto.

Se scarichi lo strumento, ti verrà chiesto di completare un sondaggio. Abbiamo posto a 2.160 lettori (e contando …) la seguente domanda:

I risultati sono stati in qualche modo sorprendenti per me. Da più di dieci anni risolvo i problemi causati dall’allocazione forzata. (e non sono ancora a lungo nel dente, ancora). Non è esattamente una best practice per la gestione della supply chain.

Tuttavia, guarda i dati:
Mostra che quasi la metà degli intervistati assegna tutto in modo definitivo e oltre il 75% pratica regolarmente la ripartizione forzata.

Lo strumento di download (utilizza anche il link del sondaggio sopra) mostra che un metodo flessibile basato su FIFO vince quasi sempre sull’allocazione rigida.

Quindi, spero che alcuni di voi stiano pensando a modi per allentare l’inventario e renderlo più flessibile.

Ciò non significa che il 75% dei lettori di questo blog utilizzi l’allocazione forzata dell’inventario. Il campione è ancora piuttosto piccolo (2.160 download totali da oltre 21.000 visite al mese). La probabilità che qualcuno desideri scaricare uno strumento per analizzare gli effetti dell’allocazione definitiva è maggiore se quella persona utilizza quel metodo.

Tuttavia. Significa che molti produttori lo stanno facendo.

Perché? Il motivo più comune è il desiderio di prendersi cura di determinati clienti. Dopo tutto, l’allocazione definitiva è un modo abbastanza sicuro e semplice per garantire che i clienti più importanti non rimangano a corto.

Allocazione della domanda e livello di servizio

Allocare le scorte ad alcuni clienti al momento dell’inserimento dell’ordine (e dalla prossima fornitura disponibile se non ci sono scorte disponibili). Allocare le scorte ad altri clienti alla data di scadenza dell’ordine (e gestire le carenze proiettando l’offerta totale).

Sembra semplice. Non è così semplice come sembra fare la pianificazione in Excel. Tuttavia, nell’interesse del miglioramento e di un migliore servizio clienti per tutti, vi presento il mio modello di foglio di calcolo per la discriminazione del servizio in base all’allocazione dell’inventario.

Prima di scaricarlo, potresti trovare interessante il metodo con cui è stato costruito.

Questo strumento accumula ordini di vendita, ordini di fornitura e inventario. E poi fa 3 proiezioni di confronto a livello di servizio sulla base di 3 diversi scenari.

La prima proiezione si basa sull’allocazione effettiva alla data dell’ordine. Il secondo è per uno scenario FIFO alla data di scadenza dell’ordine. E il terzo è per lo scenario del livello di servizio che esegue l’allocazione rigida per alcuni clienti e FIFO per altri.

In questo terzo scenario, i clienti per l’allocazione definitiva sono più importanti. Lo modelliamo utilizzando un sistema a punti. Ad esempio, se otteniamo 6 punti per una consegna puntuale per un cliente importante e 4 punti per gli altri, possiamo vedere come abbiamo fatto nel complesso. Ciò tiene conto dell’importanza del cliente.

Tutti i calcoli delle scorte vengono eseguiti in un unico foglio di lavoro. Funziona in pochi secondi e utilizza un metodo di ordinamento che può essere utilizzato per eseguire calcoli analitici molto veloci . L’ordinamento è un modo molto veloce e flessibile per calcolare tabelle di dati di grandi dimensioni. Questo strumento di confronto ha alcune buone tecniche di proiezione dell’inventario racchiuse in un foglio di lavoro e una routine veloce.

Pagina dei risultati per il confronto del livello di servizio [/ caption]

Questo strumento genera le quantità degli ordini di vendita in modo casuale. Significa che puoi eseguirlo più volte per vedere il risultato con richieste diverse.

I risultati sono interessanti. Sembra che se il tuo livello superiore di clienti è due volte più importante (e redditizio) del tuo livello inferiore, otterrai un miglioramento di circa il 10% su tutta l’allocazione FIFO e del 14% sull’allocazione effettiva.

Proprio come prima, il FIFO batte sempre l’allocazione hard-only.

Quindi, gioca con questo strumento di confronto con numeri diversi.

Lascia un commento qui sotto e fammi sapere come questo semplice modello si confronta con il tuo metodo di allocazione dell’inventario. Qualche altro motivo per utilizzare l’allocazione rigida dell’inventario, a parte la discriminazione del servizio?

Lascia un commento

Torna su