Incertezza e Potere Predittivo della pianificazione

Questo post è disponibile anche in: Inglese

L’incertezza è il problema più grande nella  pianificazione aziendale vita.

“L’uomo pianifica, Dio ride”, così recita il proverbio yiddish. Siamo più connessi, integrati e collaborativi che mai, ma la domanda rimane imprevedibile. E le previsioni ridicole.

“Questa è la nuova normalità” – una frase spesso usata per catturare questa sensazione. Pianificazione delle operazioni e processo decisionale aziendale: per sempre pieni di incertezze.

In questo contesto, che senso ha pianificare? Le migliori pratiche nella produzione snella dicono che si collega la produzione direttamente con il cliente e ci si toglie di mezzo. Ciò ha portato a un presunto dilemma tra pianificazione snella guidata dall’esecuzione e pianificazione basata sulla programmazione .

Nella maggior parte delle aziende, la pianificazione delle vendite e delle operazioni si trova scomodamente accanto al Lean. La tendenza è che S&OP acquisisca slancio mentre procede in discesa. Verso il basso attraverso la gerarchia manageriale e la granularità temporale fino a quando non si scontra con la domanda effettiva.

Il piano di vendita diventa un piano di prodotto. Il piano di prodotto si evolve in un piano di produzione. Quando arriva in produzione, è una richiesta difficile da gestire.

Risolvi questo dilemma pensando a due scopi molto diversi per la pianificazione e la pianificazione: previsione ed esecuzione.

I piani non sono niente; la pianificazione è tutto.
Dwight D. Eisenhower

La funzione della pianificazione è capire come raggiungere determinati obiettivi. La pianificazione determina quando e in quale sequenza si svolgerà l’attività.

A un certo intervallo, la pianificazione è puramente predittiva. Oltre al tempo di consegna più lungo per materiali e risorse, non è richiesta alcuna esecuzione.

Un piano è solo una parte di uno scenario. Ci possono essere molti scenari diversi e il processo di pianificazione è prezioso per esplorare come si svilupperebbero quegli scenari.

Lo stesso vale per la pianificazione. Mentre la pianificazione richiede ciò che è necessario in termini di capacità e materiali per soddisfare la domanda, la pianificazione mostra cosa accadrà quando il piano sarà messo in atto.

Immagina di essere seduto davanti a un pannello di controllo. Sono disponibili numerosi quadranti con impostazioni che fissano le politiche di inventario, le dimensioni dei lotti, i tempi di consegna, le quantità minime degli ordini, le risorse di produzione e il numero di dipendenti.

La combinazione di queste impostazioni determinerà le prestazioni della tua attività: troppi min-max ed esaurirai la liquidità; tempi di consegna troppo lunghi e perdi clienti; lotti di dimensioni troppo piccole e non hai capacità residua, troppo grandi e il tuo inventario e i tempi di consegna esplodono.

Hai quattro scelte:

Indovina . La tua lingua che spunta dall’angolo della bocca. Un dito inumidito nell’aria. Non molto elegante e rapidamente destinato a creare guai.

Imposta e dimentica . Qualcuno una volta ha scoperto quale fosse la giusta combinazione. Meglio lasciare tutto  così come è e concentrarsi sul pompieraggio.

Tentativi ed errori. Cambia i quadranti uno per uno, controlla il risultato. È utile avere una strategia e una buona visibilità su ciò che accadrebbe.

Ottimizza. Se disponi di tutti i dati e di un processo altamente efficiente, puoi calcolare il risultato.

Nel mondo reale non abbiamo tutti i dati. E la variazione del processo è un dato di fatto. Il modo migliore per gestire questa complessità è attraverso tentativi ed errori. Questo non significa che devi imparare da costosi errori aziendali.

Se la pianificazione viene eseguita con una sorta di modello predittivo, è possibile vedere i risultati che si otterrebbero. Prima che le cose accadano davvero.

La pianificazione predittiva prende dati di vendita effettivi o di scenario, li esegue sulla base di materiali, requisiti di processo e una serie di regole aziendali che determinano la modalità di esecuzione dell’operazione. I livelli di servizio, le scorte e il flusso di cassa risultanti vengono riportati da quello scenario.

C’è molto valore in un approccio di pianificazione predittivo. Eppure la maggior parte dei sistemi di pianificazione sembra essere guidata verso l’esecuzione.

I sistemi ERP sono motori transazioneali, alla ricerca di certezza e impegno. Questo è il motivo per cui è spesso difficile ottenere visibilità da un sistema MRP, senza (o nonostante) costosi strumenti di business intelligence e reporting.

Un modello di pianificazione predittivo esegue scenari “what-if”. Per fare ciò, deve essere integrato con i dati anagrafici, ma sganciato dalla generazione delle transazioni.

La tua azienda può eseguire transazioni basate su un sistema pull a Kanban o sulla pianificazione delle vendite e delle operazioni pull. Se sei grande o diversificato, probabilmente fai entrambe le cose.

Qualunque sia la filosofia su push vs pull, c’è una crescente necessità di eseguire un modello predittivo per porsi le domande critiche  “cosa succede se?”.

Come costruire un modello di pianificazione predittiva

Tutti i modelli sono sbagliati, ma alcuni sono utili.
George Box

Rendi le cose il più semplici possibile, ma non più semplici.
Albert Einstein

Un modello di pianificazione predittiva non deve essere complesso. Puoi vedere un semplice esempio con questo Strumento di pianificazione della capacità . Gli input semplici sono ordini di vendita, distinte base, ciclo di lavorazione, calendari dei turni e centri di lavoro. Le uscite sono un confronto tra il carico richiesto e la capacità disponibile. I parametri possono essere date di inizio, dimensioni del lotto, tempi di set up e straordinari.

Ogni volta che viene eseguito questo strumento, è possibile vedere il risultato che deriva dagli input e dai parametri. Modificare i parametri ed eseguirlo di nuovo per vedere l’effetto. Niente di tutto questo significa un impegno per una transazione che esegue la modifica.

Usiamo Excel per costruire modelli predittivi perché è flessibile e trasparente. Quando si inizia con la previsione in mente, diventa possibile fornire una visibilità molto maggiore sul futuro.

Lo stesso modello può essere utilizzato anche per generare un segnale per le transazioni. A distanza ravvicinata, dovrai impegnarti a effettuare un acquisto o rilasciare il lavoro alla produzione. Quindi i rapporti generano quindi un’azione.

I sistemi di pianificazione hanno due scopi: previsione ed esecuzione. Se il tuo sistema di transazione è in grado di darti una buona visibilità su what-if e ti consente di eseguire scenari, usalo per entrambi.

In caso contrario, forse potresti creare uno strumento di pianificazione predittiva per integrare il sistema aziendale.

Il metodo Fast Excel Development è concepito per creare questi modelli in modo rapido e semplice. Puoi acquisire le competenze di base con i nostri tutorial di e-learning su Fast Excel e implementarli con il Fast Excel Development Template  gratuito.

In alternativa, possiamo aiutarti a iniziare rapidamente a un costo ragionevole. Inviaci un’email per una prima consulenza gratuita.

Lascia un commento

Torna su